SERVIZI UGL

Banche, “Grave alimentare incertezza”

“È grave continuare ad alimentare l’incertezza sul reale stato di salute del sistema bancario italiano, soprattutto se ciò avviene anche attraverso dichiarazioni fumose di alcuni esponenti di governo”. Lo dichiara il segretario generale dell’Ugl Credito, Piero Peretti. “Considerare ‘equo’ il Fondo da 100 milioni stanziato per risarcire i clienti truffati con le obbligazioni e oltretutto non aver ancora definito con chiarezza i criteri per l’accesso al fondo stesso, come oggi stesso dichiarato dal sottosegretario all’Economia, Enrico Zanetti, lascia alquanto perplessi. Prima di tutto perché equità non può esserci quando le parti in causa non hanno pari dignità ed oggi la pari dignità passa per un risarcimento integrale verso tutti i clienti truffati; in secondo perché, per rendere credibile un fondo di salvaguardia, regole e risorse stanziate dovrebbero marciare di pari passo”.  “Il governo – conclude Peretti – dovrebbe prendere più seriamente in considerazione il recente sondaggio Swg secondo il quale l’85% degli italiani non ha fiducia nelle banche”.