Grandissima l’affermazione elettorale di Claudio Durigon, ormai ex Vice Segretario Generale dell’Ugl, eletto con la Lega alla Camera dei Deputati. Un risultato eccezionale grazie alla pioggia di voti conquistati sul territorio, nel collegio di Latina e Frosinone, grazie ai quali la Lega è diventata il primo partito del centro-destra. Un risultato storico per l’Ugl e per Durigon ottenuto grazie al suo impegno sindacale, ad un’intensa campagna elettorale portata avanti sul territorio pontino, che va ad aggiungersi all’altrettanto storico risultato del partito guidato da Matteo Salvini, diventato oggi la guida dell’intera coalizione di centro-destra. 
Claudio Durigon è anche il Responsabile nazionale del Dipartimento Lavoro della Lega: «Alla Camera – aveva dichiarato al momento di ricevere l’incarico – sarò il portavoce delle istanze di tutti i lavoratori alle prese con la crisi, con la disoccupazione e con la stasi del comparto produttivo». L’obietto di Durigon sarà tradurre in fatti concreti le linee guida della Lega, partendo dall’abolizione della Legge Fornero, che «più di tutte ha degradato l’intero sistema previdenziale del Paese con l’improponibile aumento dell’età pensionistica bloccando, di fatto, l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro».
Un nuovo impegno che l’ex Vice Segretario Generale dell’Ugl intende portare avanti «in coerenza con quello che è stato il mio percorso professionale rivolto alle tematiche del lavoro» e che prevede anche modifiche alla più contrastata, dall’Ugl, riforma del Governo Renzi: il Jobs Act.

Share This: