“È assolutamente falso che l’Ugl Attività ferroviarie abbia siglato insieme a Fit-Cgil, Fit-Cisl e Fast-Ferrovie l’ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto del personale di Italo Treno, scaduto a fine 2014”. Lo dichiara il Segretario Nazionale dell’Ugl Attività Ferroviarie e Segretario Confederale dell’Ugl, Ezio Favetta.
“Pur prendendo atto del tentativo di Ntv di avvicinare il contrattto Ntv al ccnl delle Attività ferroviarie, – spiega il sindacalista – riteniamo che ciò non sia sufficiente per almeno due ragioni. La prima riguarda i tempi ovvero non viene specificato in maniera equilibrata il momento in cui entrerà a pieno regime il ccnl delle Attività ferroviarie nel contratto aziendale Ntv. In secondo luogo, il sistema di classificazione professionale contenuto nel contratto aziendale Ntv, sottoscritto da Fit-Cgil, Fit-Cisl e Fast-Ferrovie, è talmente sbilanciato da creare ampi divari tra le diverse figure professionali”.
“Le nostre critiche – conclude Favetta – saranno verificate direttamente dai lavoratori, i quali saranno chiamati a dare un giudizio attraverso un referendum all’ipotesi di contratto aziendale firmata da Fit-Cgil, Fit-Cisl e Fast-Ferrovie”.

Share This: