“Nel corso del tavolo di oggi siamo entrati maggiormente nel merito della trattativa: in particolare, è stato affrontato il tema del passaggio dei lavoratori da Ilva ad ArcelorMittal e la questione contrattuale”.
E’ quanto dichiara il Segretario Generale dell’Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera, al termine del tavolo al Mise sul futuro di Ilva, aggiungendo che “si deve fare tutto il possibile per preservare la continuità lavorativa delle maestranze, riuscendo a trovare soluzioni condivise che non confliggano con la normativa sugli aiuti di stato prevista dalla Commissione europea”.
“Per quanto riguarda la contrattualistica – prosegue -, l’azienda ha espresso la volontà di lasciare pressoché invariato l’attuale impianto, apportando modifiche a due elementi fissi e a una parte variabile del salario. Nel corso del prossimo incontro, in calendario per il 13 aprile, sarà approfondito quest’ultimo aspetto”.
“Per parte nostra – conclude – ribadiamo che la priorità è la salvaguardia di tutti i livelli occupazionali, inclusi quelli dell’indotto, e la tutela dei diritti acquisiti dai lavoratori: si tratta di famiglie che hanno vissuto per troppo tempo nell’incertezza e hanno bisogno di guardare al futuro con serenità e un solido piano industriale”.

Share This: