“La trattativa deve essere portata avanti a ritmi serrati e con uno sforzo comune di tutte le parti, per dare un segnale forte ai lavoratori e ai cittadini di Taranto: è necessario condividere presto un’intesa che escluda esuberi, rilanci l’occupazione e permetta l’inizio dei lavori per la copertura dei parchi minerali”.
Lo dichiarano, in una nota congiunta, il Responsabile Nazionale del Dipartimento Grandi vertenze dell’Ugl, Ermenegildo Rossi, e il Segretario Generale dell’Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera, al termine del tavolo al Mise su Ilva, aggiungendo che “il clima tra i lavoratori dello stabilimento di Taranto e dell’indotto è di scoraggiamento. C’è bisogno di dare risposte adeguate con un solido piano industriale e con azioni concrete, quali ad esempio la bonifica delle aree contaminate”.

Share This: