“Non lasciamoci ingannare dalle apparenze: da  marzo a maggio sono cresciuti solo i contratti a termine, per cui  si tratta di circa 105mila precari in più. Di sicuro, Il Governo  si sta muovendo verso lo smantellamento del Jobs Act, che ci ha  ‘regalato’ il tragico record di disoccupati e neet in Italia”.
Così Paolo CAPONE, segretario generale dell’Ugl, in merito ai  dati Istat su occupazione e disoccupazione. “E’ necessario ridare  speranza ai lavoratori di ogni età, con contratti più stabili e  duraturi volti a tutelarli. Per questo – aggiunge -, l’emergenza  lavoro deve essere centrale nell’agenda del Governo: non ci possiamo permettere rischi che possano danneggiare ulteriormente l’occupazione. E’ altresì necessario un confronto serio con le parti sociali sul decreto Dignità, proposto dal ministro Di Maio. L’obiettivo è di presentare riforme decisive, per incentivare l’inclusione dei giovani nel mondo del lavoro”, conclude.

Share This: