Presso la sede dell’Ugl di Roma la Responsabile Daniela Ballico ha ospitato la Consigliera di Parità della Regione Lazio, Loredana Pesoli, la Responsabile Welfare Ugl Lazio, Luisa Molè, la Presidente del Ciscos, Patrizia Conte del Ninno, la Responsabile del Coordinamento Donne Ugl, Antonietta Celata, la Presidente del Sei, Valentina Iori, e tante donne-sindacaliste dell’Ugl per un incontro-dibattito in occasione della celebrazione della Giornata internazionale della Donna, incontro al quale è intervenuto anche il Segretario Generale Ugl, Francesco Paolo Capone.
Un’iniziativa che ha rappresentato un momento di riflessione in merito alle  importanti conquiste sociali delle donne, ma anche e soprattutto alla loro difficoltà di conciliazione tra vita e lavoro nella normale quotidianità.
“Assistiamo ancora a forme vergognose di discriminazione sociale nei confronti delle donne – dichiara Daniela Ballico – a cominciare dai livelli retributivi, la strada da percorrere per una parità di genere è ancora lunga e irta di ostacoli, abbiamo bisogno di un’evoluzione normativa ed abbiamo bisogno di una classe politica che svolga un importante lavoro in Parlamento volto a prevenire ogni forma, in qualsiasi ambito, di prevaricazione nei confronti delle donne. Bisogna educare le coscienze”.
A conclusione, il saluto del Segretario Generale dell’Ugl, Francesco Paolo Capone: “Le donne devono essere messe nella condizione di conciliare i tempi vita e di lavoro, con un pacchetto normativo che le tuteli. Esiste un grande gap tra la condizione maschile e femminile nel mondo del lavoro, non possiamo ignorarlo. Tuttavia, intorno alla Giornata internazionale della Donna c’è molta retorica e, più ci muoviamo nella retorica, più resteremo fermi nel processo evolutivo e culturale che dovrebbe portarci a raggiungere l’obiettivo di una vera parità tra uomo e donna, senza alcun tipo di discriminazione”.

Capone_8marzo

Share This: