Proprio in queste giornate infernali d’agosto, non solo per il clima ma per il tragico bilancio di morti e feriti sul lavoro, causato dai due eventi avvenuti il 6 agosto a Bologna e nel foggiano, l’Ugl si trova oggi, 8 agosto, a Marcinelle, Belgio, in occasione della “Giornata nazionale del sacrificio del lavoro italiano nel mondo” con la sua ormai nota iniziativa “Lavorare per Vivere”  per commemorare le 262 vittime, di cui 136 italiani, che persero la vita nell’incendio in miniera,  l’8 agosto del 1956. Dopo l’Italia, e per la precisione Roma e Milano, l’Ugl oltrepassa i confini nazionali per sensibilizzare le autorità europee sul fenomeno delle morti bianche. È proprio in virtù di questa ricorrenza che l’8 agosto è stata proclamata la “Giornata nazionale del sacrificio del lavoro italiano nel mondo”.
«Il dramma di Marcinelle, avvenuto 62 anni fa, invita a riflettere  sul tema della sicurezza nei luoghi di lavoro. Si tratta di un impegno prioritario anche in ambito europeo con il fine di contribuire al miglioramento delle condizioni lavorative», ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’Ugl, presente all’evento a Marcinelle in Rue du Cazier.  «Mentre si parla di robot pronti a sostituire gli operai, si continua a morire nelle fabbriche e sui cantieri, soprattutto perché la formazione rimane, spesso, solo sulla carta e, a causa  della crisi, le imprese hanno sempre meno fondi da investire in  sicurezza. Anche per tale ragione, e con l’obiettivo di divulgare  una maggiore cultura della sicurezza sul lavoro, l’Ugl quest’anno ha ricordato i 1029 decessi del 2017 con due  manifestazioni, svoltesi a Roma e Milano, con l’installazione di  altrettante sagome di cartone per commemorare le morti bianche. Oggi siamo a Marcinelle con 262 sagome bianche, in ricordo dei  minatori che persero la vita, a causa di un incendio in una  miniera di carbone. Investire nella prevenzione e nella sicurezza  sul lavoro è un dovere civico a livello globale, che deve coinvolgere le Istituzioni, le parti sociali, le aziende e i loro  dipendenti. Infatti, con la condivisione e la diffusione di best  practice, si può salvare la vita ai dipendenti, soprattutto di  chi svolge lavori a rischio».
«Oggi vogliamo sensibilizzare l’Europa e, in questo caso, le istituzioni belghe affinché la legislazione  vigente sia rispettata e garantisca il pieno diritto alla  sicurezza sul lavoro. #Lavorarepervivere è un nostro impegno, un monito che un’organizzazione sindacale come l’Ugl continuerà a diffondere all’interno della società civile e, in particolar  modo, nelle aziende e tra i lavoratori».

Sg Marcinelle Console 0808Sg Marcinelle 10 0808Sg Marcinelle 19 0808Sg Marcinelle 06 0808Sg Marcinelle 08 0808P_20180808_090239Sg Marcinelle 04 0808Sg Marcinelle 07 0808Sg Marcinelle 03 0808

Share This: