Il rinvio del tavolo con i sindacati “deciso da parte di Amazon” è “irresponsabile, pericoloso, e teso ad elevare il livello dello scontro”. Per cui i rappresentanti dei lavoratori chiedono ad Amazon di dare subito un segnale di “distensione”: e cioè dare disponibilità ad un “incontro urgente da svolgersi perentoriamente entro il 6 dicembre al fine di riprendere un confronto proficuo e costruttivo nell’interesse reciproco sui temi inerenti le istanze più volte sollevate dai lavoratori”.
Se però perdurasse la chiusura aziendale, “non ci sarà ulteriore spazio per una mediazione e sarà chiara la responsabilità di tutto quello che potrà accadere”. In caso di riapertura della trattativa, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, Ugl Terziario “sono disponibili a sospendere lo stato di agitazione”. Ma al tempo  stesso avvisano: nelle assemblee già indette per l’11 dicembre “assumeremo con i lavoratori le decisioni che il caso richiederà”.

Share This: