Il 7 e 8 agosto a Marcinelle arriva  l’iniziativa dell’Ugl “Lavorare per Vivere”, per commemorare le  262 vittime – di cui 136 italiani – che persero la vita  nell’incendio della miniera in Belgio, l’8 agosto del 1956.  E’ questo il tema scelto dal sindacato che oltrepassa i confini  nazionali per sensibilizzare le autorità europee sul fenomeno  delle “morti bianche”. Inoltre, in virtù di questa ricorrenza l’8  agosto è stata proclamata la “Giornata nazionale del sacrificio del lavoro italiano nel mondo”.  “L’Ugl sarà a Marcinelle con 262 sagome bianche, in ricordo dei  minatori che persero la vita, a causa di un incendio in una  miniera di carbone. Investire nella prevenzione e nella sicurezza  sul lavoro è un dovere civico a livello globale, che deve  coinvolgere le Istituzioni, le parti sociali, le aziende e i loro  dipendenti”, ha dichiarato Paolo Capone, segretario generale  dell’Ugl, che sarà presente all’evento.

Share This: