“Dal confronto realizzato al Mise è emersa la volontà di lavorare in sinergia per la tutela di tutti i lavoratori dell’indotto di Aferpi che, ormai da mesi, vivono di precarie certezze”.

Così Daniele Francescangeli, segretario nazionale dell’Ugl Metalmeccanici con delega alla Siderurgia al termine del vertice romano di oggi a cui ha partecipato insieme Paolo Di Giovine, segretario nazionale Ugl Metalmeccanici con delega Impiegati e Quadri e Sabrina Nigro, segretario provinciale Ugl Metalmeccanici.

“Il nostro auspicio – prosegue il sindacalista – è di avere presto un confronto con i vertici della Regione Toscana, oggi assenti all’incontro. Abbiamo necessità di avere chiarimenti su uno dei passaggi affrontati durante il tavolo tecnico, in riferimento ai fondi destinati agli ammortizzatori sociali, in particolare per l’area di Piombino”.

 

 

Seguici e metti un like:
error