Domani, sabato 30 settembre, presso la sala convegni delle Carte Geografiche, a Roma, si terrà il convegno “Ceta: trattato di libero scambio commerciale o limitazione della sovranità nazionale?”, organizzato dall’Ugl Telecomunicazioni dopo la recente entrata in vigore del Ceta.
All’evento, moderato dal giornalista del Tempo Antonio Rapisarda, interverrà il segretario generale dell’Ugl, Francesco Paolo Capone. Ad introdurre i lavori sarà Armando Valiani, segretario Ugl Lazio. Seguiranno gli interventi di Stefano Conti, segretario nazionale Ugl Telecomunicazioni, di saggisti, politici e sindacalisti provenienti dalla Spagna.
Concluderà il vice segretario generale dell’Ugl, Claudio Durigon. “Fino ad oggi – spiega il segretario nazionale dell’Ugl Telecomunicazioni, Stefano Conti – il dibattito sull’approvazione o meno del Ceta è stato, forse volutamente, trascurato: da una parte infatti c’è la Commissione europea, favorevole a un accordo che aumenterebbe del 20 per cento gli scambi commerciali tra Ue e Canada, dall’altra le piccole e medie imprese, che temono che ad essere esclusi dal paniere del Ceta saranno prodotti agricoli di tantissime eccellenze del sud e di scomparire di fronte a all’aumento dell’import da parte delle multinazionali”.
“Inoltre – prosegue – è motivata la sensazione che il Ceta introduca ulteriori passi indietro sulla sovranità nazionale, dato che le controversie tra Stati, multinazionali e investitori non verranno affrontate nei tribunali, ma attraverso un arbitrato extragiudiziale con giudici nominati da Ue e Canada”.
“Il convegno – conclude il sindacalista – mira a un approfondimento di questi numerosi e complessi aspetti”.

Seguici e metti un like:
error