“La società Ericsson Telecomunicazioni ha inviato venerdì quasi 200 lettere di licenziamento, dopo aver voluto chiudere una procedura di mobilità con un mancato accordo con un approccio che sin dall’inizio della vertenza è stato di totale chiusura nei confronti del sindacato e delle istituzioni locali”.
Lo dichiara Stefano Conti, segretario generale Ugl Telecomunicazioni, sottolineando come “sia i sindacati sia le istituzioni avevano dato ampie disponibilità a raggiungere un accordo sostenibile per il mantenimento dell’occupazione”.
“Gravissimo – aggiunge – è anche l’atteggiamento del governo che con una laconica comunicazione ha annunciato ai sindacati di non poter fare nulla per intavolare un percorso tra azienda e parti sociali. Governo che non ha vigilato minimamente sull’appalto del consolidamento della rete Wind concesso alla società cinese ZTE”.

Seguici e metti un like:
error