“Bene la riduzione del cuneo fiscale a cui sta  lavorando l’Esecutivo, tuttavia si deve trattare di un taglio poderoso che incida in modo consistente sulla busta paga dei lavoratori per far ripartire i consumi. Ci vuole, quindi, più attenzione per il sociale e per l’occupazione, non misure ‘spot’  che rischiano di rivelarsi insufficienti. Sarebbe una vera e propria presa in giro per i lavoratori e per le loro famiglie”. Lo afferma Paolo Capone, segretario generale dell’Ugl, in merito  alla riduzione del cuneo fiscale proposta dal Governo. “In tal senso, auspico un maggiore coraggio da parte del Governo per invertire la rotta e favorire una reale ripresa economica del  Paese”, aggiunge Capone.

Seguici e metti un like:
error