“Si tratta di un record storico: dal 2005 abbiamo raggiunto l’apice della vergogna e del declino. Un dato che ci lascia indignati e che deve far riflettere su quanto le politiche degli ultimi anni abbiano contribuito a indebolire il Paese”. Lo ha affermato in una nota Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, rispetto ai dati rilasciati dall’Istat sulla povertà nel 2017.
“Quando si parla di oltre 5 milioni di persone che vivono in povertà assoluta, si intende intere famiglie, soprattutto al Sud Italia, ma anche nelle periferie e nelle grandi città, che non riescono a garantire ai propri figli un pasto caldo ogni sera. E in queste condizioni, versano un milione e 208 mila minori. Nei fatti, il nuovo Governo sta percorrendo la strada della risalita con politiche economiche e riforme del lavoro, volte a tutelare e salvaguardare gli interessi dei nostri cittadini. In un Paese civile, si riparte finalmente dai bisogni primari”.

Seguici e metti un like:
error