“L’Ugl è vicina alla famiglia dell’operaio che ha perso la vita questa mattina sul posto di lavoro a Bojano, in provincia di Campobasso. Si continua a morire con una tale facilità agghiacciante, per cui è evidente che occorre promuovere una maggiore cultura della sicurezza. Sono necessari più controlli e una formazione adeguata, soprattutto nei settori a rischio. L’Ugl continua il suo tour ‘Lavorare per Vivere’ prossima tappa a L’Aquila, dove saremo martedì 26 novembre in Piazza Duomo per sensibilizzare l’opinione pubblica sul triste fenomeno”. Così Paolo Capone, segretario generale dell’Ugl, in merito alla morte di un operaio rimasto schiacciato da una lastra di marmo mentre era al lavoro.

Seguici e metti un like:
error