“Sono inaccettabili tutte le forme di intolleranza ma è altresì inaccettabile il linciaggio mediatico cui sono sottoposti i due lavoratori della Lidl di Follonica”.
Lo dichiara il segretario nazionale Ugl Terziario, Luca Malcotti, in merito al clamore suscitato dal video girato dai due dipendenti della Lidl di Follonica che, avendo sorpreso due rom a rubare, le hanno rinchiuse in un gabbiotto sul piazzale del supermercato.
“I lavoratori – sottolinea – hanno sorpreso due ladre a rubare in un gabbiotto e le hanno chiuse dentro, chiamando immediatamente la Polizia e facendo così fino in fondo il loro dovere di dipendenti e di cittadini. Nulla può giustificare che le ladre siano state filmate mentre erano chiuse nel locale e il video sia stato poi diffuso su internet. Condanniamo senza alcun attenuante l’aver filmato la scena, ma questo non autorizza a trasformare i due lavoratori della Lidl in carnefici e aguzzini. Per loro s’ipotizza, addirittura, il licenziamento o altre gravi sanzioni, che appaiono del tutto sproporzionate, rispetto alla rilevanza dei fatti e delle circostanze.
“Se risponde al vero che i due lavoratori sono stati sospesi dalla Cgil – conclude Malcotti – comunico la disponibilità dell’Ugl Terziario a dare loro le necessarie coperture sindacali e legali”.

Seguici e metti un like:
error