Proposto uno specifico regolamento in materia e altre misure

L’Ugl Funzione Pubblica ha inviato una richiesta scritta ai vertici politici ed amministrativi del Mef affinché fossero “approfondite le modalità di individuazione e di conferimento degli incarichi, effettuati dai precedenti Governi, di revisore dei conti e di componente dei collegi sindacali al personale dipendente dello stesso dicastero”.
Lo dichiara il segretario nazionale Ugl Funzione pubblica, Alessandro Di Stefano, spiegando che “tali incarichi dovrebbero essere finalizzati a garantire il corretto utilizzo delle risorse pubbliche. Invece, consultando i dati presenti su Amministrazione trasparente del sito Mef, tali nomine sembrano piuttosto essere state utilizzate per premiare dipendenti con, in alcuni casi, professionalità inferiori, rispetto a quella di altri funzionari in servizio”.
“Al fine di garantire i principi di trasparenza, d’imparzialità e di buon andamento, – sottolinea Di Stefano – nella stessa richiesta scritta rivolta al Mef abbiamo proposto una serie di misure per ovviare agli errori fatti in passato, ovvero l’adozione di uno specifico regolamento in materia, l’utilizzo di obiettivi e conoscibili strumenti di selezione di tali professionalità (tra i quali l’interpello ed il sorteggio), la predisposizione di appositi uffici di vigilanza e la preventiva eliminazione di attuali situazioni di conflitto di interessi”.

Seguici e metti un like:
error