“L’Ugl Sanità esprime solidarietà e vicinanza agli operatori della sanità privata accreditata che attendono il rinnovo del ccnl da dodici anni”.
Lo annuncia, in una nota, il segretario nazionale Ugl Sanità, Gianluca Giuliano.
“È inaccettabile che la trattativa sul rinnovo con le parti datoriali Aiop Aris proceda così lentamente e che per ora abbia riguardato solamente l’analisi della parte normativa a causa delle reticenze dei privati che lamentano l’assenza di effettive coperture economiche”.
“Riteniamo che questi lavoratori, professionisti esemplari in molte realtà ormai da tempo, lavorino in condizioni inaccettabili, con enormi responsabilità che gravano quotidianamente sulle loro spalle e che, nonostante ciò, riescano a garantire ogni giorno un’assistenza di alta qualità ai cittadini”.
“Non possiamo più tollerare che essi vengano considerati lavoratori di serie B e pretendiamo un giusto riconoscimento che non può e non deve attendere oltre. Questa esigenza diventa ancor più evidente alla luce della necessità di avviare un percorso di riqualificazione del Ssn che restituisca centralità al vero motore del sistema rappresentato dai suoi operatori e che non sia penalizzante per quelli della sanità privata accreditata”.
“Non siamo più disponibili ad attendere e l’Ugl Sanità continuerà la sua lotta, coerente ai suoi valori, al fianco dei lavoratori della sanità privata pronta a mobilitarsi per garantire condizioni di lavoro dignitose e un rinnovo dovuto in tempi rapidi”.

Seguici e metti un like:
error