“L’ultimo DPCM approvato dal Governo non va verso la strada giusta per tutelare gli interessi economici del nostro Paese. Chiudere le attivita’ produttive e imporre restrizioni da coprifuoco vuol dire, di fatto, distruggere le attivita’ di artigiani e di piccoli e medi imprenditori e dei lavoratori a loro collegati. Per contrastare il diffondersi del Covid-19 dovremo tenere in considerazione che i piu’ alti fattori di trasmissione si verificano nelle scuole e nel servizio di trasporto pubblico. Va incentivato il ricorso alla didattica a distanza, che sicuramente ha un impatto sociale ed economico minore rispetto alla chiusura delle attivita’ produttive del Paese. Per quanto riguarda il ‘decreto indennizzi’ sotto l’attenzione dell’Esecutivo, in linea generale siamo d’accordo con le misure di aiuti stanziati, a condizione che siano rapide ed esigibili sin da subito. Cio’ vuol dire spiegare a imprenditori e lavoratori come si potra’ accedere e quali saranno le tempistiche previste. Ricordiamo che sono ancora tantissimi gli italiani in attesa di ricevere la cassa integrazione degli ultimi mesi a causa, appunto, dei ritardi amministrativi dell’Inps. In tal senso, e’ necessario avviare un iter volto a snellire i processi burocratici e un piano di riforme welfare in grado di ridurre il carico fiscale su imprese e lavoratori”. Lo ha dichiarato in una nota Paolo Capone, Segretario Generale UGL, in merito all’ultimo DPCM approvato dal Governo.

Seguici e metti un like:
error