“Il presidente del Consiglio ha indicato le tre parole chiave della futura azione di governo – lavoro, Sud e giovani – che non possiamo fare a meno di condividere, tuttavia, qualora, oltre alla squadra, Gentiloni confermasse anche le politiche dell’esecutivo guidato da Matteo Renzi il risultato non sarebbe solo negativo ma decisamente disastroso”.
Lo dichiara il segretario generale dell’Ugl, Francesco Paolo Capone, commentando la conferenza stampa del premier.
“Inoltre il denominatore comune delle nuove politiche – sottolinea – dovrebbe essere l’avvio di un vero dialogo sociale, a cui l’Ugl si dichiara da subito pronta, perché solo con il contributo di tutte le parti sociali è possibile imprimere quella svolta che il Paese ha molto atteso dal precedente governo”.

Seguici e metti un like:
error