“È semplicemente inaccettabile che per gli operatori della sanità privata,  dopo oltre 10 anni di attesa, non sia ancora arrivato il tempo per il rinnovo del loro contratto di lavoro”. Lo dichiara il Segretario Nazionale UGL Sanità, Gianluca Giuliano, al termine dell’incontro svolto con le Associazioni  Aiop Aris, esprimendo “preoccupazione per la stasi della trattativa che stenta a entrare nel vivo”.
“Dopo diversi incontri – spiega – per l’analisi della parte normativa completamente trasformata dalle modifiche intercorse sulla disciplina sul mondo del lavoro negli ultimi anni, lo scoglio più duro è rappresentato dal fatto che le parti datoriali  lamentano l’assenza di coperture finanziarie”.
“Gli operatori della sanità privata non possono essere considerati di serie B e non possono aspettare ancora chissà quanto”.
“Quello che occorre – conclude Giuliano – è restituire loro dignità: ecco perché chiediamo un intervento del Governo affinché si apra una concertazione tra le organizzazioni sindacali e le maggiori associazioni datoriali con l’obiettivo di sbloccare rapidamente la vertenza”.

Seguici e metti un like:
error