“Le aziende del Facility Management, con  le loro unicità di supporto strategico e gestionale, riescono a innalzare il livello di qualità dei servizi alle imprese, ma anche  alle amministrazioni pubbliche. Nella veste di leader sindacale sono compiaciuto dai dati del settore: si parla infatti di 2.5 milioni di occupati potenziali del comparto a cui appartengono migliaia di Pmi”.
Lo ha dichiarato Paolo Capone, segretario generale dell’Ugl, durante  l’evento ‘Life 2018’, gli Stati Generali del Facility Management che  si è tenuto oggi a Capri.
“Si tratta, quindi, di numeri importanti che, ritengo, possano crescere se il governo adottasse politiche volte anche alla riqualificazione del patrimonio pubblico di cui c’è urgente bisogno. Inoltre, l’avvento delle tecnologie intelligenti, che sta dando luogo  ad un’integrazione tra industria e servizi, non determinerà un calo  della forza lavoro, ma porterà ad una nuova professionalizzazione e riqualificazione degli addetti”, ha concluso Capone.

Share This: