“Quanto prodotto dal Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Inail nella consiliatura che si chiude oggi è il frutto positivo del confronto fra le Istituzioni e le Parti sociali, un modello che andrebbe replicato non soltanto nella pubblica amministrazione e negli enti pubblici non economici, ma anche nelle stesse imprese, in un’ottica di partecipazione e condivisione di strategie ed obiettivi”.
Lo dichiara il segretario generale dell’Ugl, Francesco Paolo Capone, che oggi ha partecipato presso la Camera di Commercio alla presentazione del Rapporto di fine consiliatura del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Inail.
“Si tratta ora – spiega – di proseguire un percorso, avendo ben presente che il grande tema della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro impone una azione di contrasto quotidiano. La ripresa del fenomeno infortunistico è solo in parte connessa all’andamento dell’occupazione; incide negativamente la sottovalutazione di alcuni fattori, ad iniziare dalla precarizzazione dei rapporti di lavoro, fortemente sbilanciati sui contratti a tempo determinato”.
“Occorre quindi mettere in campo ogni risorsa possibile, – conclude Capone – puntando sulla formazione e sulla cultura della legalità e del contrasto al sommerso”.

Seguici e metti un like:
error